Istituto di Istruzione Superiore

Montagnana (PD)

Alternanza scuola-lavoro

 logo alternanza

 

L’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO/ PERCORSI PER LE COMPETENZE TRASVERSALI E PER L'ORIENTAMENTO

L’alternanza scuola-lavoro, rinominata Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento all'articolo 1, comma 784, della legge 30 dicembre 2018 n. 145, è uno strumento che offre a tutti/e gli/le studenti/esse tra i 15 e i 18 anni sia nel sistema dei licei, sia nel sistema dell'istruzione e della formazione professionale, l’opportunità di apprendere, attraverso l'alternanza di periodi di studio e di lavoro, mediante esperienze didattiche in ambiti lavorativi privati, pubblici e del terzo settore, sotto la responsabilità dell'istituzione scolastica o formativa.

FINALITÀ DELL’ALTERNANZA / DEI PERCORSI

  1. arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l'acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
  2. favorire l'orientamento dei giovani per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali;
  3. realizzare un organico collegamento delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro e la società civile

COSA È L’ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

E’ una metodologia didattica che valorizza attraverso un percorso co-progettato una formazione congiunta tra scuola e mondo del lavoro finalizzata all’innovazione didattica e all’orientamento degli/le studenti/esse. Per questo si stipulano apposite convenzioni con imprese, camere di commercio, associazioni di rappresentanza, industria, artigianato e agricoltura, enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore, disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa, senza che questi non costituiscano un rapporto individuale di lavoro (art.4 D.Lgs. 15 aprile 2005, n. 77).

MONTE ORARIO DEI PERCORSI

I percorsi di alternanza scuola-lavoro/Percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento sono così attuati:

- liceo: durata complessiva di almeno 90 ore nel triennio (comma 784 L.154/2018);

- professionale: durata complessiva di almeno 210 ore (comma 784 L.154/2018).

ORGANIZZAZIONE DEI PERCORSI IN ALTERNANZA (Art. 4. DL 77/2005)

I percorsi in alternanza hanno una struttura flessibile e si articolano in:

  1. periodi di formazione in aula
  2. periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro, che le istituzioni scolastiche e formative progettano e attuano sulla base di convenzioni.

Il percorso di alternanza scuola-lavoro si può realizzare anche all'estero (comma 35 Legge 107/2015).

I TUTOR (FORMATIVI E AZIENDALI).

Il Tutor Scolastico coordina le attività scolastiche ed è punto di riferimento per lo studente e l’azienda durante l’inserimento in contesto lavorativo.

Il Tutor aziendale, designato dai soggetti disponibili ad accogliere gli studenti, favorisce l'inserimento dello studente nel contesto operativo, lo assiste nel percorso di formazione sul lavoro e fornisce all'istituzione scolastica o formativa ogni elemento atto a verificare e valutare le attività dello studente e l'efficacia dei processi formativi (ed in particolare la scheda di valutazione aziendale).

PATTO FORMATIVO

È il documento con cui lo studente (identificato per nome, cognome, data di nascita, codice fiscale, classe di appartenenza) si impegna a rispettare determinati obblighi (rispetto di persone e cose, abbigliamento e linguaggio adeguati all’ambiente, osservanza delle norme aziendali di orari, di igiene, sicurezza e salute, riservatezza relativamente ai dati acquisiti in azienda), a conseguire le competenze in esito al percorso, a svolgere le attività secondo gli obiettivi, i tempi e le modalità previste, seguendo le indicazioni del tutor esterno e del tutor interno, e facendo ad essi riferimento per qualsiasi esigenza o evenienza.

RESPONSABILITÀ DELLO STUDENTE

Nel corso dell’Alternanza lo studente dovrà produrre i documenti stabiliti dal Consiglio di classe di concerto con il Tutor aziendale. Essi concorreranno alla valutazione finale e all’attribuzione del credito di fine anno.

Documenti prodotti dallo studente potranno essere: il CV e la lettera di motivazione, prove esperte, schede di osservazione, il diario di bordo giornaliero e per iscritto, la relazione individuale dello studente a fine stage eventuale prodotto finale (dépliant, PPT, Video, brochure, catalogo,...)

A fine percorso lo studente dovrà relazionare (per iscritto o oralmente) al resto della classe in merito al proprio percorso in Alternanza. L’esperienza dei Percorsi sarà oggetto di colloquio all’Esame di Stato.

REGISTRO DELLE PRESENZE IN AULA e in AZIENDA

Esso certifica il numero delle ore di presenza degli studenti alle attività in alternanza.

VALUTAZIONE, CERTIFICAZIONE E RICONOSCIMENTO DEI CREDITI

I percorsi in alternanza sono oggetto di verifica e valutazione da parte dell'istituzione scolastica o formativa.

Sarà cura degli Organi Collegiali (Consigli di Classe, Dipartimenti e Collegio Docenti) individuare i criteri e delle modalità di valutazione delle attività di verifica previste per il percorso in alternanza.

Le istituzioni scolastiche o formative rilasciano, a conclusione dei percorsi in alternanza, in aggiunta alla certificazione prevista dall'articolo 3, comma 1, lettera a), della legge n. 53 del 2003, una certificazione relativa alle competenze acquisite nei periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro. .

RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

La certificazione finale, nella quale sono registrate anche le ore di frequenza delle attività di formazione in aula con esperti esterni, è spendibile nel mondo del lavoro.

Con tale documento la scuola rende trasparente e osservabile il processo attivato, in relazione ai risultati conseguiti in Alternanza, con un’assunzione di responsabilità, e testimonia la qualità della propria offerta formativa.

La certificazione delle competenze sviluppate attraverso la metodologia dell’alternanza scuola lavoro può essere acquisita negli scrutini intermedi e finali degli anni scolastici compresi nel secondo biennio e nell’ultimo anno del corso di studi. In tutti i casi, tale certificazione deve essere acquisita entro la data dello scrutinio di ammissione agli esami di Stato e inserita nel curriculum dello studente.

Sulla base della suddetta certificazione, il Consiglio di classe procede:

a) alla valutazione degli esiti delle attività di alternanza e della loro ricaduta sugli apprendimenti disciplinari e sul voto di condotta; le proposte di voto dei docenti del Consiglio di classe tengono esplicitamente conto dei suddetti esiti;

b) all’attribuzione dei crediti in coerenza con i risultati di apprendimento in termini di competenze acquisite coerenti con l’indirizzo di studi frequentato.

Per quanto riguarda la frequenza dello studente alle attività di alternanza ai fini della validità del percorso di alternanza è necessaria la frequenza di tutte le ore previste.

ATTIVITÀ DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA (art 38 Legge 107/2015)

Per l’anno scolastico 2018-19 l’Istituto si impegna ad organizzare un corso di formazione della durata di quattro ore di formazione generale più otto ore di formazione specifica

ASSICURAZIONE

Ogni Studente è coperto da assicurazione.

 

 

Il nostro Istituto organizza, fin da prima che divenissero obbligatori, percorsi di alternanza scuola-lavoro con strutture, enti ed aziende sia locali che nazionali ed internazionali. Inoltre, aderisce a progetti finalizzati all’orientamento ed al rafforzamento delle competenze trasversali. Di seguito alcuni esempi.

 

accademia

 

 asl spagna

Destinazione: Valencia (Spagna). Beneficiari: 5 studenti 4AS Liceo delle Scienze Applicate e 2 studenti 4AL Liceo Scientifico tradizionale. Periodo di tirocinio all’estero: fine maggio-fine giugno 2019 per complessive 160 ore. In collaborazione con: Scuola Centrale Formazione (Mestre), CFP Pavoni, CFP Saugo e IIS Marconi.

 

bassa

Durante il corrente anno scolastico un gruppo di studenti delle classi 4AL, 4AS e 5AS, ed un secondo gruppo delle classi 4AA e 4AP si sono cimentati nella realizzazione di due cortometraggi sul tema dell’Alternanza Scuola-Lavoro. Un modo diverso, innovativo e sicuramente stimolante di riflettere su un passaggio cruciale del percorso scolastico: in che modo l’Alternanza Scuola-Lavoro può essere infatti uno strumento utile a studenti e

imprese?

Il progetto è stato realizzato all’interno della rete denominata BassaP (https://bassapunto.com/) , a cui hanno aderito 29 Comuni appunto della Bassa Padovana, tra cui Montagnana, e che grazie ad un cofinanziamento della Regione Veneto e dei Comuni partecipanti ha permesso di realizzare tre progetti: BassaUpToDate, BassaCorner e appunto BassaDevice. Oltre al nostro Istituto, hanno partecipato altre scuole dei Comuni di Este, Monselice e Conselve.

I cortometraggi sono stati realizzati nel corso di laboratori extrascolastici pomeridiani con il supporto tecnico di esperti di sceneggiatura, ripresa, regia e montaggio per imparare a fare un filmato, a partire dall’ideazione fino alla post-produzione.

Il percorso si è svolto da gennaio ad aprile 2019 ed è culminato nella proiezione in occasione della consegna del PREMIO GIOVANI INNOVATORI DELLA BASSA.

Hanno gentilmente collaborato alle riprese anche alcuni docenti che, nell’inusuale veste di attori, hanno affiancato gli studenti in questo inedito percorso. I filmati sono visibili ai seguenti link:

Medito

https://www.youtube.com/watch?v=soDJfozAxjw 

La Scelta

https://www.youtube.com/watch?v=qnJ2-kJ_BeQ 

 

 
 
Powered by Phoca Download